Intervento contro gli acari della polvere

Gli acari: sono con noi a migliaia, a milioni, non li sentiamo e non li vediamo. Eppure, in determinate circostanze, sono capaci di provocare situazioni allarmanti.

Sono gli Acari della polvere, responsabili di patologie respiratorie e di allergie dermatologiche molto importanti.
Tra gli esseri viventi più antichi sulla terra, possono vivere e crescere in svariati ambienti come piante, fiori, animali, terra, acqua dolce e salata, rifiuti organici, materassi, libri …, ma anche direttamente sull’uomo.
Sono piccoli artropodi, appartenenti a diverse specie.

Alcune di esse sono correlate all’asma e vengono definite “acari della polvere di casa”, proprio in quanto il loro habitat è prevalentemente l’ambiente domestico.

 

mrkelp-disinfestazione-acaro-polvere
Le loro dimensioni sono di circa 200-300 micron, cioè all’incirca 1/4 di millimetro, per cui non possono essere visti ad occhio nudo, ma soltanto con una forte lente di ingrandimento o, meglio, al microscopio. Il maschio è leggermente più piccolo della femmina.
L’aspetto translucido consente agli organi interni e all’emolinfa di impartire un aspetto complessivamente bianco-cremoso al corpo. L’aspetto assume quello di un disegno scolpito somigliante a delle impronte digitali.
Sono fotofobici, alla continua ricerca di luoghi bui e riparati.
Sono dermatofagoidi e diventano particolarmente invadenti in caso di infestazione massiccia.
Il cliente che ci ha chiamato era già in una situazione disperata.
L’intervento è stato progettato strutturando una saturazione ULV con apposita apparecchiatura che emette nebbia fredda composta da gocce con diametro variabile tra 5 e 30 micron di soluzione a vasto spettro d’azione.
In questo modo il principio attivo ha avuto la possibilità di raggiungere ogni angolo dell’abitazione, compresi i più remoti, abbattendo gli infestanti implacabilmente.
Per contro il cliente è stato costretto ad abbandonare l’appartamento per quarantotto ore.
E’ importantissimo contattare i professionisti alle prime avvisaglie e non attendere di essere giunti a livelli di infestazione così alti.